Depressione da Covid-19? Adottare uno stile di vita minimalista può aiutarci a combattere depressione e insoddisfazione

depressione DA COVID-19

Mentre la pandemia da COVID-19 avanza, aumenta anche il rischio di depressione, la depressione invalida la capacità di ognuno di noi di risolvere i problemi, stabilire e raggiungere obiettivi, al lavoro come nelle relazioni e le conseguenze per la salute mentale del COVID dureranno più a lungo della pandemia stessa.

Sentirsi sicuri e protetti è una delle esigenze primarie fondamentali per l’essere umano, come avere il controllo sugli eventi della propria vita, ma quando tutto ciò viene a mancare, incomincia a svilupparsi in noi la credenza che qualunque cosa facciamo non migliorerà le cose, ecco che veniamo assaliti dal senso di impotenza, che blocca ogni possibilità di liberazione o cambiamento.

I disturbi psicologici più riscontrati sono ansia e panico, insonnia, problemi digestivi, oltre a sintomi depressivi e da stress post traumatico. 
In questo periodo sperimentiamo impotenza, vulnerabilità e la sensazione di perdita di controllo sulla nostra vita, questo genera angoscia per un futuro incerto e favorisce la comparsa di sintomi depressivi, esaurimento psicofisico, ansia, paura e dolore, angoscia e rabbia.
Queste emozioni si alternano, si mischiano, e crescono fino a travolgerci e sfociare in disturbi psicologici significativi, come depressione o esaurimento.

 

Adottare uno stile di vita minimalista - Condividiamo il viaggio
Adottare uno stile di vita minimalista

 

Queste non sono solo le conseguenze della pandemia, il responsabile principale è l'effetto dell’isolamento sociale prolungato.

Il filosofo greco Aristotele, diceva che l’uomo è un “animale sociale”, quindi incapace di vivere isolato dagli altri, l’assenza di relazioni non permette lo sviluppo dell’identità personale e l’esercizio della ragione. Seppur necessario per contenere la diffusione del virus, non siamo “programmati” per resistere a lungo rinchiusi in uno spazio definito.

L’isolamento sociale a lungo termine genera profonda solitudine, aumentando la probabilità che si manifestino sintomi depressivi, a questo si aggiunge l’effetto devastante delle preoccupazioni legate a problemi economici e alla perdita del lavoro o di una persona cara.
I livelli di stress ambientale crescono in maniera esponenziale e ciò comporta il deterioramento delle relazioni, più che unire, le misure restrittive stanno creando spaccature e divergenze tra le persone.  

Dunque come possiamo "aiutarci" a superare tutto ciò?

Dobbiamo liberarci di tutto il superfluo che c'è nella nostra vita.

 

Adottare uno stile di vita minimalista - Condividiamo il viaggio
Adottare uno stile di vita minimalista

 

Adottare uno stile di vita minimalista  può aiutarci a combattere depressione e insoddisfazione.
Condurre uno stile di vita minimalista implica ridurre al minimo indispensabile quello che si possiede e, in qualche modo, fare a meno delle cose materiali.

Il minimalismo ci da la possibilità di concentrarci intenzionalmente su quello che è davvero importante e mettere da parte il resto, si tratta di godersi di più la vita, possedendo meno. 
Quando sentiamo la parola minimalismo la prima cosa che ci viene in mente è “qualcosa di meno”. Niente di più sbagliato!

Quando le persone guardano al minimalismo come stile di vita, spesso vedono solo l'atto del riordinare o liberarsi di oggetti inutili e che non ci danno più gioia. Ma il minimalismo comporta i benefici che riscontriamo solo una volta che siamo liberi dal superfluo.
Lasciando andare tutto il superfluo che c'è nelle nostre vite saremo in grado di focaloizzarci su ciò che è importante e sugli innumerevoli vantaggi.

 

"La perfezione si ottiene non quando non c’è nient’altro da aggiungere, bensì quando non c’è più nulla da togliere." 
Antoine de Saint-Exupéry

 

Salute prima di tutto

Adottare uno stile di vita minimalista - Condividiamo il viaggio
Adottare uno stile di vita minimalista

 

Il minimalismo ci aiuta a staccarci da una vita incentrata sul "successo" materiale. Una volta ripreso il controllo, troveremo il tempo per concentrarci sulla nostra salute sia fisica che mentale.

Dobbiamo focalizzare la concentrazione su di noi,  migliorare la nostra alimentazione, fare esercizio fisico e dormire di più, riducendo al minimo lo stress (per quanto possibile in questo periodo) e vedrete che questo ci porterà pian piano alla felicità. Concentrandoci di più sulla nostra salute, creeremo più tempo per tutto il resto. Che bel paradosso!
L’idea chiave del minimalismo è liberarsi di quello che non aggiunge valore alla nostra vita, per lasciare spazio a quello che invece lo fa. Ad esempio, eliminare il disordine, le distrazioni e le relazioni insalutari per dare più spazio alle cose che sono fondamentali per il nostro benessere, come la creatività, l’amore e il gioco.

Relazioni

Una volta che smettiamo di cercare di impressionare gli altri con quello che possediamo, saremo anche in grado di ridefinire le priorità delle nostre relazioni mettendo le relazioni primarie per prime, le secondarie per seconde e le relazioni superflue per ultime, allontanate dalla vostra vita tutto ciò che non vi fa stare bene, liberatevi di quello che vi si mette fra i piedi, di tutto quello che vi distrae, che vi fa perdere la concentrazione.
Liberatevi di tutto quello che vi toglie la calma, tenetevi piuttosto quello che davvero contribuisce al vostro benessere.

Benefit economici

Questo è stato il vantaggio iniziale che porta al minimalismo: "la libertà finanziaria", la nostra cultura pone un'enfasi straordinaria sulla ricchezza materiale come segno di vera ricchezza. Il minimalismo ci insegna invece che il vero valore di una persona non è determinato dal suo patrimonio materiale.
Non comprare cose di cui non si ha bisogno, non lasciarsi influenzare dalla pubblicità, dalle tendenze e dall’opinione altrui è fondamentale.
Avere più cose non ci renderà più felici. La verità è che quando abbiamo il neceessario per soddisfare i nostri bisogni primari, i beni materiali non potranno migliorare il nostro benessere in alcun modo.

I beni materiali possono darci una gratificazione momentanea che scompare in un batter d'occhio, mettendoci in uno stato psicologico peggiore di prima.

Apprezzate quello che possedete,  bisogn concentrarsi su quello che si ha piuttosto che su quello che ci manca. Altrimenti ci sentiremo sempre incompleti, insoddisfatti e prigionieri del nostro stesso desiderio.

Una cosa alla volta

Eliminare l'effimero che consuma il nostro tempo ci fa capire che "aspirare" è semplicemente un sinonimo di "procrastinare". Una volta tolta la roba, potremo iniziare a creare il mio capolavoro personale, bisogna concentrarsi sugli obiettivi importanti, le persone sono generalmente focalizzate su un gran numero di obiettivi contemporaneamente che desidera raggiungere.
Occorre scoprire le poche cose che più vi interessano e dedicarvi a queste, fare una cosa per volta, vita minimalista significa vivere concentrati, godersi al massimo ogni momento. Se siamo sempre distratti e/o focalizzati su un gran numero di obiettivi contemporaneamente non ci sarà possibile raggiungerne nemmeno uno.

Vivere rompendo gli scghemi della società

La società in cui viviamo ci danneggia e ci induce a pensare che possedere di più sia la cura del nostro malessere, è strutturata per non darci la possibilità di essere appagati. Ogni giorno ci tormentiamo e arranchiamo per guadagnare sempre di più con l’obiettivo di acquistare oggetti che non soddisferanno mai le nostre esigenze primarie.
Allo stesso modo, nelle nostre agende straripano impegni che non riusciremo a portare a termine. E ci creiamo aspettative per il futuro sempre più incerto.

Dobbiamo imparare a dire di no, a snellire le nostre vite da tutto, a partire dagli impegni che tolgono tempo a noi stessi e alle persone che amiamo, dedicare del tempo ad aiutare gli altri porta con sé un senso di appagamento che non possiamo ottenere dall'acquisto di cose.
Dare è vivere: se vogliamo sentirci veramente vivi, dobbiamo dare, rimuovere il disordine non è il risultato finale del minimalismo, è solo il primo passo. Capire perché state facendo quel primo passo vi darà la motivazione di cui avete bisogno per andare avanti. In caso vi venisse un dubbio, chiedetevi: "come potrebbe essere migliore la mia vita con meno?" 

 

Copyright © 2021. Tutti i diritti riservati.